Sostegno al turismo

Serve a volte che ce lo dica un visitatore da fuori paese, per farci capire quanti luoghi turisticamente interessanti abbiamo a Sossano. Proviamo a fare una passeggiata al bosco di Sajanega o agli eremi di San Teobaldo e Ubaldo. Conosciamo meglio i nostri luoghi di culto ed edifici storici. Alziamoci sul monte per percorrere i sentieri e ammirare il panorama. Allora scopriremo che:

– servono PROGETTI DI OSPITALITÀ TURISTICA per chi può apprezzare le nostre zone: camminatori, mountain bikers, nordic walkers, pellegrini della Romea Strata.

– anche la PROMOZIONE ENOGASTRONOMICA può attirare l’interesse di turisti. Abbiamo le nostre carte da giocare e va fatto il tentativo di far rendere Sossano riconoscibile per le sue produzioni tipiche. Altri Comuni attorno a noi, ben più piccoli, hanno saputo farlo.

– a SAN TEOBALDO può essere dedicato un evento di maggiore richiamo. Per la sua importanza religiosa, vanno promosse iniziative all’attenzione di pellegrini e viaggiatori sensibili alle tradizioni religiose.

– il BOSCO DI SAJANEGA è una delle aree naturalistiche da preservare e valorizzare con cartelli informativi e di divieto, e magari un’area allestita per iniziative che permettano di vivere quest’area in sicurezza e relax.

Leggi di più qui: 

https://www.sossanolab.it/programma/#SOSTEGNO-ALLO-SPORT-E-AL-TURISMO

Eremi ed oratori antichi a Sossano


cartello posto lungo la ciclabile della Riviera Berica

Tra le fortune che Sossano possiede, vi è quella di aver ospitato nel XI secolo l’eremita San Teobaldo. Una figura di rilievo all’epoca, che ci lascia in dote una interessante eredità in zona Sajanega: i due eremi dei SS. Ubaldo e Teobaldo.
Li conosciamo? Vi aiutiamo a scoprirli meglio attraverso questa ripresa aerea che rivela i loro insediamenti nel nostro territorio:

Dobbiamo imparare ad apprezzare i luoghi che suscitano interesse verso il nostro paese, e a domandarci come valorizzarli meglio: anche qui servono idee, soluzioni, impegno delle persone. Ringraziando innanzitutto l’associazione “Comitato Capitei”, che puntualmente si dedica a tenere curati questi luoghi con attività di volontariato.

Poi conta lavorare sulla promozione: altra fortuna è che a Sossano passa la “Romea Strata” (http://www.romeastrata.it/tappe_vicetia/), una via di pellegrinaggio che attraversa la Pianura Padana facendo tappa lungo i luoghi della cristianità. Un cartello posto lungo la ciclabile della Riviera Berica spiega l’iniziativa e cita l’eremo di San Teobaldo e gli altri luoghi di culto a Sossano, ma a partire da lì mancano le indicazioni che aiutino il pellegrino a recarsi in visita a questi siti. Proponiamo quindi di puntare sul richiamo dei nostri eremi e oratori con alcune iniziative, tra cui:
Collaborazione con la Diocesi di Vicenza che sta promuovendo il pellegrinaggio attraverso la Romea Strata (http://www.romeastrata.it/partecipa_al_progetto/)
Supporto a tutte le associazioni paesane che intendono impegnarsi per incentivare, promuovere e migliorare il sito storico
Miglioramento della segnaletica e l’accesso ai nostri luoghi di culto: é anche una forma di accoglienza dovuta a chi magari, partendo da molto lontano, può rimanere sorpreso dalle nostre semplici bellezze.